Prenota direttamente la Tua camera dal nostro sito web per la miglior tariffa garantita

 

Monumenti e luoghi di interesse, alla scoperta di Palermo

Una passeggiata per visitare la Capitale UNESCO

Luoghi d’interesse a poca distanza dal B&B Il Giardino di Ballarò

Palermo è uno straordinario incrocio di barocco e arabo, mercati chiassosi e angoli di pace assoluta, cucina di strada e alta ristorazione. Il capoluogo siciliano è un luogo di meravigliose contaminazioni: è la magica sintesi di storia, cultura, etnie, folklore, cibo, tradizioni, colori e suoni mediterranei e caldi.

Per dirla con le parole dello scrittore e giornalista palermitano Roberto Alajmo: «Palermo è una cipolla. La città è così, è fatta a strati e ogni volta che ne sbucci uno ne resta un altro da sbucciare».

Durante la tua vacanza a Palermo scoprirai una città che sorprende: dietro un palazzo fatiscente puoi trovare un tesoro d’arte, dietro a un portone scalcinato c'è una chiesa barocca, dietro il muro dei palazzi, il mare blu.

La dimora storica Il Giardino di Ballarò si trova in una posizione realmente centrale, nell’area storica e più antica di Palermo e a breve distanza dai più bei monumenti della città. Tutte le principali tappe da visitare sono raggiungibili nel tempo di una passeggiata. I consigli del nostro staff saranno preziosi per permetterti di fare esperienze nuove, sorprendenti ed emozionanti.

Palermo è uno concentrato di tutto ciò che puoi immaginare e ci piace raccontarla brevemente in attesa di fartela scoprire partendo proprio da Il Giardino di Ballarò, dimora storica, B&B d’arte e di charme nel cuore antico della città.

 

La Chiesa del Gesù o Casa Professa

La Chiesa del Gesù, conosciuta come Casa Professa, è un gioiello barocco dalle forme sontuose, tipiche dello stile artistico di fine ‘500, quando ai Gesuiti giunti in città a seguito del vicerè spagnolo venne affidata la realizzazione di una chiesa che rappresentasse il potere e l’importanza dell’ordine religioso in città.

San Giovanni degli Eremiti

San Giovanni degli Eremiti è una chiesa di origine normanna idealmente collocata sul letto del fiume Kemonia, ormai interrato, che delimitava il confine est dell’antica paleapoli punica. La Chiesa del Gesù, conosciuta come Casa Professa, è un gioiello barocco dalle forme sontuose, tipiche dello stile artistico di fine ‘500.

Il mercato storico di Ballarò

Il mercato storico di Ballarò si trova nel cuore dell'antico centro  di Palermo, nelle vicinanze della Stazione Centrale e del Palazzo Reale ed è il luogo che esprime meglio l’anima multiculturale di Palermo. Una passeggiata a Ballarò è d’obbligo anche per chi vuole provare il famoso cibo di strada palermitano.

Il Cassaro: Corso Vittorio Emanuele e Porta Nuova

Fin dalle origini, Palermo ha avuto un asse viario principale che la percorre interamente da ovest a est, fino al mare, identificabile con l’attuale via Vittorio Emanuele, che i palermitani continuano a chiamare Cassaro, dall’arabo al-Csar, castello, per indicare la strada che portava da Palazzo dei Normanni al mare, dove termina sul Foro Italico con Porta Felice, costruita nel 1581.

I Quattro Canti

Il centro storico ideale di Palermo corrisponde ai Quattro Canti, punto di incontro delle due grandi arterie cittadine, via Vittorio Emanuele e via Maqueda, che divide la città in quattro grandi cantoni, detti mandamenti: Palazzo Reale, Monte di Pietà, Castellammare e Tribunali. Un tour da non perdere...

La Cattedrale di Palermo

Il monumento simbolo della città, la Cattedrale di Palermo, intitolata a Maria SS Assunta, è il monumento che meglio rappresenta la città, ma è anche il simbolo del sentimento di collaborazione tra le diverse dominazioni in Sicilia,. La Cattedrale di Palermo fa parte dell'itinerario arabo-normanno della città patrimonio UNESCO.

Palermo e il Centro Storico

Palermo, chiamata dai greci Panormus (“tutti porti”), vide lo sbarco di tante dominazioni, che si insediarono nella città. La città di Palermo ha origini antichissime, il più antico insediamento umano ci viene donato da graffiti di età preistorica disegnati all’interno delle grotte dell’Addaura. Il primo insediamento urbano risale al VIII secolo a.C.: Palermo venne occupata dai mercanti Fenici, che diedero alla città, il nome Zyz (“fiore”).

Palazzo Reale o Palazzo dei Normanni

Il Palazzo Reale o Palazzo dei Normanni sorge nel nucleo più antico della città punica e romana, conosciuto con il nome arabo al- Halqah, la Galca. Costruito in stile fatimida intorno al X secolo dagli emiri arabi che ne fecero la prima sede delle attività amministrative, il castello reale, in arabo Qasr, dette il nome al quartiere circostante e alla strada principale, il Cassaro (attuale via Vittorio Emanuele).

Cappella Palatina

La Cappella di San Pietro, nota come Cappella Palatina, risale al 1130, anno dell’incoronazione di re Ruggero, che volle farne il simbolo della potenza cristiana sull’isola. Costruita secondo le regole della qubba islamica, di forma quadrata, ha una struttura latina a tre navate, sormontate da soffitti a struttura alveolare in legno decorato, detti muqarnas, realizzate da artisti nord africani sul modello dell’iconografia profana islamica.